Annunci di Lavoro

Dopo la Scoperta dell'America

Gli Esploratori e il Continente Americano

Dopo l'impresa di Colombo gli Spagnoli furono delusi nell'accertare che egli non solo non raggiunse le Indie ma che la terra scoperta bloccava le comunicazioni tra Pacifico e Atlantico; Amerigo Vespucci decise di esplorare le coste atlantiche di quella che lui definý America mentre Vasco Nunez de Balboa attravers˛ l'istmo di PanamÓ arrivando alle rive dell'Oceano Pacifico.

Pi¨ specifiche informazioni sulla parte centrale e meridionale del continente americano si ebbero con Francisco Pizarro e HermÓn CortÚs i quali si cimentaronom, rispettivamente, in viaggi verso il Per¨ e il Messico. Al contempo gli Spagnoli puntarono le Antille ed esplorarono il Golfo del Messico oltre alle attuali regioni a Sud degli USA.

Magellano costeggi˛ l'America del Sud e scoprý il passaggio tra Pacifico e Atlantico compiendo la prima circumnavigazione del globo; Giovanni da Verrazzano riuscý a compiere importanti e peraltro precisi rilevamenti delle coste a Nord-Est degli Stati Uniti.

A metÓ inoltrata del sedicesimo secolo John Davis scoprý le isole Falkland e Henry Hudson la baia canadese omonima. Jacques Sartier esplor˛ Terranova e le coste a Sud del Labrador oltre all'isola principe Edoardo.

Ma seppure l'attenzione degli esploratori era incentrata sul continente americano, non manc˛ neppure la voglia di continuare a esplorare l'Oriente, specialmente il territorio dell'Asia centrale e meridionale. Per tali ragione la Cina, il Giappone e il Tibet sono stati oggetto principale della penetrazione commerciale europea.

Nel diciassettesimo secolo si Ŕ dato invece inizio all'esplorazione dell'Oceania, una parte del mondo che fino ad allora era praticamente insospettata. La Nuova Guinea e la Nuova Zelanda furono esplorate soprattutto da James Cook.

Dove